Ospitalità diffusa
ItalianoEnglish


Paliano e Dintorni

Quando si conosce la storia degli illustri personaggi della famiglia Colonna, e si sa l'influenza da loro esercitata sulle vicende di Roma e d'Italia, non si può fare a meno di visitare con vivo interesse Paliano”...

...“Ho fatto questa strada a cavallo, insieme con un contadino della campagna romana, che avevo preso per guida, in una splendida giornata di settembre, che rimarrà sempre fra le più belle delle peregrinazioni da me fatte per la Saturnia tellus, tanto la vista di quelle contrade selvagge e di quei monti maestosi era superba”.
(Ferdinand Gregorovius, Passeggiate per l'Italia – La Campagna romana, Settembre 1856)

Adagiato sulla sommità di una collina isolata (475 mt. slm), alle pendici dei monti Ernici e Prenestini, in posizione dominante sull’ Alta Valle del Sacco, sorge il borgo medievale di Paliano, circondato da un verdeggiante paesaggio collinare, solcato da diversi corsi d’acqua affluenti del fiume Sacco (l’antico Tolerius), e ricoperto in parte da boschi di quercia, uliveti e vigne. Il toponimo è una formazione prediale, dall’antroponimo latino Paullus, con suffisso aggettivale -anus, ad indicare una proprietà fondiaria.

Il suo territorio, incastonato fra Ciociaria storica e Campagna romana, è stato popolato sin da tempi antichissimi, ma l’attuale abitato ha avuto origine nell’Alto medioevo dal fenomeno dell’incastellamento, un processo storico e sociale sviluppatosi nel Lazio tra il X e l’XI secolo. Entrato ben presto a far parte dei possedimenti della Chiesa di Roma, nel corso del XV secolo divenne feudo dei Colonna, condividendo le sorti di questa nobile famiglia, che per lungo periodo fu in contrasto con il Papato.

Un grande viaggiatore del passato, lo storico tedesco Ferdinand Gregorovius, descrisse con grande entusiasmo questo tratto di Campagna romana, soggiornandovi a lungo.

Oggi Paliano si presenta ancora circondata di mura, con tre porte di accesso alla città e con bastioni sistemati a verde. All’interno della cinta muraria, spiccano, tra una complessa rete di strade, piazze, vicoli e viuzze, la Chiesa Collegiata di S. Andrea Apostolo (XVI-XVII sec.), il Palazzo Ducale o Colonna (XVII sec.) , diversi palazzi storici, le caratteristiche abitazioni medievali (XIII sec.) con le murature a “tufelli” di arenaria e la Fortezza Colonna (XVI sec.), maestoso complesso difensivo che domina la collina, “da cui si gode una vista stupenda” che riempie ancora oggi l’animo dei viaggiatori con immagini di vivida bellezza.